pièdimosca edizioni

Tag: collana ossa

Arcipelago libri | Le cose inutili di Carlo Sperduti

Arcipelago Libri, seconda puntata. L’inchiesta narrativa condotta da Carlo Floris incentrata sul romanzo Le cose inutili di Carlo Sperduti, pubblicato dalla casa editrice umbra pièdimosca in questo 2020. L’autore risponde alle domande di Sara Picchiarelli. All’intervista segue la lettura di due brani realizzata da: Michele Bandini, Valentina Testa e Fabio Furiosi.

Per l’inchiesta poetica, Maria Borio conversa con Umberto Piersanti, una delle figure più importanti della letteratura italiana contemporanea, trattando argomenti come il lessico del poeta, natura e memoria, riflessioni sul suo ultimo libro, edito da La nave di Teseo, Campi d’ostinato amore.

La musica è realizzata dal Maestro Sandro Lazzeri, con i brani per chitarra tratti da Eight discernments di Andrew York (WalkingSnowflight Sherry’s waltz), su cui il musicista sardo sta lavorando per registrare il suo ultimo cd.

 

Ascolta la puntata nel sito di Arcipelago Libri


Vivoumbria.it | Presentazione di Le cose inutili

PERUGIA – Quando Vlado Merletti ricompare al Baranoia, dopo un lustro di assenza e un divorzio mal digerito, non tutto è rimasto immutato… Parte da qui “Le cose inutili”, il romanzo di Carlo Sperduti (pièdimosca edizioni) che verrà presentato venerdì 2 ottobre alle 18 all’Osteria Il Gufo di via della Viola, a Perugia.

(altro…)


Squadernauti | Gli altri fanno volume

GLI ALTRI FANNO VOLUME

 

Gli altri fanno volume, titolo dell’ultimo romanzo di Angelo Calvisi (uscito per pièdimosca nel marzo del 2020), riprende una delle tre citazioni in esergo: Ennio Flaiano scrisse infatti che “I giorni indimenticabili nella vita di un uomo sono cinque o sei in tutto. Gli altri fanno volume”. E in effetti nel libro sono riportate, slegate dall’ordine cronologico e rappresentate da altrettanti capitoli, sei giornate della vita di Paolo Carta, in un arco temporale che va dai suoi undici anni ai quarantacinque, ovvero dal 1978 al 2012.È la frammentaria autobiografia di un individuo intelligente, malinconico, impacciato, autoironico e vagamente ossessivo, che attraversa la propria esistenza (e la storia, dal rapimento di Aldo Moro al G8 di Genova) desiderando di radicarvisi ma al contempo nutrendo profondi dubbi sulla possibilità di aderire a un’univoca forma e funzione che garantiscano stabilità, serenità, piena consapevolezza di sé.

(altro…)


Mangialibri | Gli altri fanno volume. Recensione di Mauro Maraschi

Genova, 2007. Paolo ha quarant’anni e dirige un negozio di musica della catena Mega Store. Dopo dieci anni di silenzio, il padre ricomincia a telefonargli, “come se fosse passata soltanto una settimana”, per poi sparire nuovamente qualche mese dopo. Quando Paolo scopre che è morto gli tornano a galla i ricordi di un’infanzia dimenticata. Approfittando del licenziamento, decide così di andare in Sardegna, nel paese natio del padre, per le pratiche dell’eredità: sull’isola, però, troverà molto altro. 1995. Paolo va per i trenta, vende polizze assicurative ed è stato lasciato da Caterina, per compiacere la quale ha perso nove chili in due mesi cibandosi solo di semi di zucca e Pocket Coffee. (altro…)


Senzaudio | Gli altri fanno volume. Recensione di Gianluigi Bodi

Nel corso del 2020, prima che…beh…prima…, una nuova casa editrice ha visto la luce. Si chiama pièdimosca, ha sede a Perugia e al momento, oltre alla rivista “settepagine” (che vi consiglio perché è fatta molto bene) hanno in catalogo i loro primi libri.


Lankenauta | Gli altri fanno volume

Gianluca Massimini di Lankenauta

Preceduto dalla frase di Ennio Flaiano “I giorni indimenticabili nella vita di un uomo sono cinque o sei in tutto. Gli altri fanno volume.“, presa in prestito da Autobiografia del blu di Prussia e posta in esergo, questo agile, fulgido romanzo di Angelo Calvisi edito dalla giovane e intraprendente Pièdimosca Edizioni (Gli altri fanno volume, appunto) si presenta da subito con una soluzione narrativa che spiazza e incuriosisce il lettore: quella di parlare della vita di Paolo, il protagonista della vicenda, scegliendo solo sei giorni in tutto, sei giorni molto significativi, vuoi perché ritenuti esemplari, di un’età o di una condizione, o perché si rivelano dei momenti cruciali, delle tappe fondamentali, per cogliere l’essenza di un percorso.

(altro…)


Lettore medio – Gli altri fanno volume

cover calvisiLa precarietà della mia condizione e del lavoro in generale era uno degli argomenti che toccavo con mio padre. Una volta, invece di tenersi sul vago come aveva fatto fino a quel momento, si era espresso con dei luoghi comuni di matrice neoliberista che in fondo non coincidevano con l’idea che mi ero fatto di lui.

Ci sono città che restano confinate sullo sfondo e città che diventano parte della storia. Genova, senza dubbio, fa parte della seconda categoria a prescindere dal romanzo nel quale viene inserita. Nel caso de “Gli altri fanno volume”, il nuovo romanzo di Angelo Calvisi (edito da Pièdimosca edizioni), la città cara a de André è parte integrante di un romanzo di formazione dalle tinte molto oscure.

(altro…)


L’Eco del Nulla – recensione di Le cose inutili di Diletta Crudeli

L’anarchia delle cose

Su Le cose inutili di Carlo Sperduti tra Campari e gamberetti ribelli

 

Le cose inutili di Carlo Sperduti è una storia che ben si inserisce nella migliore e assai surreale tradizione sperdutiana, capace di architettare, in poco più di un centinaio di pagine, fraintendimenti, paradossi ed elucubrazioni – ovviamente, inutili. Il romanzo, pubblicato per la prima volta nel 2015 per la casa editrice CaratteriMobili, è uscito questa primavera per la giovane pièdimosca, con alcune correzioni e lo slittamento temporale delle vicende narrate (adesso la narrazione ha inizio proprio nel 2015). È divertente notare, ma con Sperduti raramente qualcosa non lo è, che i cinque anni che separano le due edizioni potrebbero benissimo essere quelli vissuti allo sbando dal protagonista del libro, il tuttologo, milionario e ubriacone Vlado Merletti.

(altro…)


Paper moon – l’oroscopo letterario di maggio consiglia Le cose inutili per i Gemelli

Gemelli (21 maggio // 21 giugno)
Come il mese scorso, il mio suggerimento è quello di non concentrarvi troppo su voi stessi, di allontanare i diari su cui scrivereste soltanto piani e progetti che al momento tenderebbero a ingigantirsi, invadendo la vostra casa, fagocitando il vicinato. Potete leggere degli appunti strambi però, diari impossibili, i taccuini del protagonista del romanzo di Carlo SperdutiLe cose inutili, potrebbero andare. La realtà, e gli oggetti, riservano sorprese anche ai più tenaci.

 

 

 

 

(altro…)