NOVANTANOVE VOLTE UN VOLTO

20,00

Disponibile

Nel 1947 viene pubblicato per la prima volta Exercices de style di Raymond Queneau. Si tratta di una raccolta di novantanove racconti: la storia è sempre la stessa, ma lo stile linguistico cambia continuamente. Dall’opera emerge indiscusso il rapporto tra il linguaggio e la nostra personalità, svelandoci che il modo in cui parliamo comunica in parte anche ciò che siamo.

Novantanove volte un volto non è altro che la traduzione illustrata degli Exercices de style – o meglio, della sua versione italiana tradotta da Umberto Eco e pubblicata per la prima volta da Einaudi nel 1983. In questa atipica interpretazione, ogni esercizio acquisisce una propria fisionomia in base alle regole linguistiche che lo caratterizzano: testa, occhi, naso, bocca e orecchie diventano le lettere di un nuovo alfabeto sperimentale, e dalla scomposizione e metamorfosi di questi elementi prendono vita novantanove volti illustrati, novantanove ritratti stilizzati e caricaturali.

1497 disponibili

This item: NOVANTANOVE VOLTE UN VOLTO 20,00
CICERO | Guida illustrata alle figure retoriche
15,00

Lucia Biancalana torna in libreria – dopo Cicero | Guida illustrata alle figure retoriche – con un racconto illustrato ispirato a Exercices de style di Raymond Queneau.

Gli Esercizi di Queneau sono una raccolta di novantanove racconti: la storia è sempre la stessa, ma lo stile linguistico cambia continuamente.

Novantanove volte un volto è una proposta di traduzione illustrata degli Exercices de style – o meglio, della sua versione italiana tradotta da Umberto Eco e pubblicata per la prima volta da Einaudi nel 1983. In questa atipica interpretazione, ogni esercizio acquisisce una propria fisionomia in base alle regole linguistiche che lo caratterizzano: testa, occhi, naso, bocca e orecchie diventano le lettere di un nuovo alfabeto sperimentale, e dalla scomposizione e metamorfosi di questi elementi prendono vita novantanove volti illustrati, novantanove ritratti stilizzati e caricaturali.

Esercizi di stile, empatia, identità

Per leggere i novantanove volti non è indispensabile conoscerne la regola linguistica sottostante – comunque riportata e spiegata brevemente nelle pagine gialle finali. Anzi, è forse proprio la lettura superficiale di quest’opera a regalarci gli stimoli più interessanti: ci si può specchiare in ogni pagina alla ricerca del volto che più ci somiglia, o andare a caccia del più bello, del più brutto, strano o divertente… Le pagine si possono indossare come filtri, in un gioco mimico, parodistico, per vedere la nostra immagine deformarsi continuamente, in modo estremo ed esilarante o sorprendentemente realistico.

Che tu sia alle prove di teatro o di fronte allo specchio della tua stanza, novantanove volte un volto è uno strumento valido per praticare un po’ di empatia: bambini, ufficiali, alieni, filosofi, cantanti… La lista, si sa, potrebbe estendersi all’infinito, ben oltre le pagine di questo libro. E non si sa mai, a forza di immergersi nelle identità degli altri si può finire col ritrovare la propria.

Lucia Biancalana

Lucia Biancalana (Perugia, 1993) è illustratrice e graphic designer. In seguito alla triennale in Disegno Industriale presso La Sapienza di Roma si laurea in Illustrazione all’ISIA di Urbino. Tra i progetti personali,…
+ approfondisci